ENIT SPOPOLA IN NORD EUROPA: L’ITALIA SI RAFFORZA IN SVEZIA

8 mesi ago Massimo Commenti disabilitati su ENIT SPOPOLA IN NORD EUROPA: L’ITALIA SI RAFFORZA IN SVEZIA

ENIT SPOPOLA IN NORD EUROPA: SEI MESI NO STOP DI CAMPAGNA CAPILLARE E RITORNO AI LIVELLI PRE PANDEMIA

LE PRENOTAZIONI AEREE DALLA DANIMARCA RECUPERANO I VOLUMI PRE-COVID, QUELLA DELLA SVEZIA SONO AL 74%

L’Italia con Enit inarrestabile in Scandinavia. Per mantenere saldo e vivo l’interesse per la Penisola, l’Agenzia Nazionale del Turismo ha lanciato una campagna promozionale iniziata a giugno 2021 e appena conclusa, utilizzando tutti i canali di comunicazione della Ticket, la più grande catena di agenzia di viaggi operante su tutti i mercati di riferimento (Svezia, Norvegia, Danimarca e Finlandia) mediante proposte di vacanza tematiche diffuse attraverso micrositi Italia nelle varie lingue locali raggiungibili dai siti, social e newsletter, nonché con vetrine Italia nei negozi Ticket in Svezia e Norvegia.

In un periodo di grosse sfide per tutto il trade turistico, la voglia di tornare a viaggiare si è manifestata forte e la ripresa delle prenotazioni per destinazioni italiane ha visto un ritorno ai livelli pre-pandemia.

Le prospettive dei viaggi internazionali in Italia mostrano che alcuni mercati del nord Europa stanno tornando ai livelli del 2019. Nel complesso, dai 5 Paesi di provenienza si contano circa 1,9 milioni di viaggiatori (-0,9% sul 2018), quasi 11,5 milioni di notti (-6,9%) e circa 1,3 miliardi di euro di entrate economiche (+3,5%).

La Lombardia è la regione che acquisisce la quota parte più alta della spesa complessiva in Italia per tre Paesi del Nord Europa: Finlandia (30,2%), Norvegia (34,2%) e Svezia (24,3%). I viaggiatori dalla Danimarca e dall’Islanda concentrano in Veneto rispettivamente il 19,8% e il 32,9% del totale speso in Italia. Sempre in termini di spesa, la vacanza culturale in Italia è quella maggiormente apprezzata dai viaggiatori dei Paesi del Nord Europa.

Per il quarto trimestre 2021, le prenotazioni aeree dalla Danimarca recuperano i volumi pre-covid, mentre quelle dalla Svezia sono al 74%. Nel dettaglio i visitatori in Italia dalla Danimarca crescono del +17,2% sul 2018, le notti sono il 9,5% in più e la spesa sale del +34%. Dalla Svezia sono in crescita i viaggiatori (+1,8%) e gli introiti (+4,0% circa).

“I viaggiatori dal Nord Europa sono preziosi per la ripresa delle città d’arte: – dichiara il Presidente Enit Giorgio Palmucci – i visitatori dalla Svezia investono il 36,4% della spesa complessiva che nel 2019 è stata di 363 milioni di euro mentre la Danimarca spende il 35,6% su 600milioni di euro, la Finlandia il 29,4% su 113 milioni di euro, la Norvegia il 22% su 183 milioni di euro e infine l’Islanda il 60% su 17 milioni di euro.

A trarne beneficio anche il turismo active. La Finlandia spende il 7% del totale, la Svezia il 4,2%, la Danimarca il 2,4% e la Norvegia sfiora il 2,0%. Nonché il Mice: il  viaggio d’affari in Italia è un segmento che rappresenta il 12,5% del totale della spesa di viaggio per la Danimarca, circa l’8% per la Finlandia, il 17,7% per la Norvegia e il 18,5% per la Svezia” conclude Palmucci.

 

PRE-COVID VOLUMES RECOVER, THAT OF SWEDEN IS 74%

Italy with Enit unstoppable in Scandinavia. To keep interest in the Peninsula strong and alive, the National Tourism Agency launched a promotional campaign that began in June 2021 and has just ended, using all the communication channels of Ticket, the largest travel agency chain operating on all the reference markets (Sweden, Norway, Denmark and Finland) through thematic holiday proposals disseminated through Italian microsites in the various local languages ​​accessible from the websites, social networks and newsletters, as well as with Italy showcases in the Ticket stores in Sweden and Norway.

In a period of great challenges for the entire tourist trade, the desire to return to travel has shown itself strongly and the resumption of bookings for Italian destinations has seen a return to pre-pandemic levels.

The prospects for international travel in Italy show that some markets in northern Europe are returning to the levels of 2019. Overall, there are around 1.9 million travelers from the 5 countries of origin (-0.9% on 2018), almost 11 , 5 million nights (-6.9%) and about 1.3 billion euros of economic income (+ 3.5%).
Lombardy is the region that acquires the highest share of total expenditure in Italy for three Northern European countries: Finland (30.2%), Norway (34.2%) and Sweden (24.3%). Travelers from Denmark and Iceland concentrate 19.8% and 32.9% of the total spent in Italy respectively in Veneto. Again in terms of spending, the cultural holiday in Italy is the one most appreciated by travelers from Northern European countries.

For the fourth quarter of 2021, air bookings from Denmark recover pre-covid volumes, while those from Sweden are at 74%. In detail, visitors to Italy from Denmark grow by + 17.2% on 2018, nights are 9.5% more and spending increases by + 34%. From Sweden, travelers (+ 1.8%) and revenues (approximately + 4.0%) are on the rise.

“Travelers from Northern Europe are precious for the revival of cities of art: – declares the President Enit Giorgio Palmucci – visitors from Sweden invest 36.4% of the total expenditure which in 2019 was 363 million euros while the Denmark spends 35.6% of € 600 million, Finland 29.4% of € 113 million, Norway 22% of € 183 million and finally Iceland 60% of € 17 million.

Active tourism also benefits. Finland spends 7% of the total, Sweden 4.2%, Denmark 2.4% and Norway nearly 2.0%. As well as the MICE: business travel in Italy is a segment that represents 12.5% ​​of the total travel expenditure for Denmark, about 8% for Finland, 17.7% for Norway and the 18.5% for Sweden “concludes Palmucci.