Eolie e turismo: estate 2020

3 mesi ago admin 0

di Antonio Marturano

TURISMO & ESTATE 2020

Idee pescate dalle varie Regioni Italiane e po mie... per salvare quel poco di turismo possibile, si può fare... ma serve urgente condivisione con le autorità, e grande responsabilità e collaborazione di tutti noi..

La riapertura agli arrivi avverrà in modo graduale a partire da giugno: "Chiediamo che chi voglia prendere una nave o un aereo - o aliscafo - presenti con la carta d’imbarco e il documento d’identità un certificato di tampone negativo rilasciato da un qualsiasi laboratorio abilitato o da struttura sanitaria ospedaliera non oltre sette giorni prima della data di partenza", come ripetuto sui social tante, troppe volte, anche noi alle Eolie, dobbiamo avere un sistema possibile di controllo, scanner temperature, guardie mediche sulle isole messe in grado di fare tamponi di controllo (non invasivi) e l'ospedale di Lipari che "processa" il sistema tamponi, con brevità negli esiti, in modo da intervenire in tempo reale... e comunque controllo tamponi all'arrivo e ripartenza dei turisti e non solo..

Pur comprendendo l'esiguità delle forze in campo, un aiuto fondamentale potrebbe venire dai percettori di "reddito di cittadinanza" adeguatamente istruiti e protetti, e dai sempre preziosi volontari della croce rossa o dalla protezione civile comunale, oltre che le forze di polizia, il tutto ben strutturato, organizzato e controllato.

Fondamentale il coordinamento in capo a i comuni, unica regia di guida, poche regole ma chiare, e sopratutto una capacità di intervento, immediata, su qualunque problematica ma in particolar modo..... profilassi sanitaria..

Ci serve l'ospedale di Lipari, pienamente operativo sia nel personale, sia nelle specialità mediche previste e da integrare.

I tempi che ci sono stati calati dalla Regione Sicilia non possono essere presi in considerazione, il sistema previsto, non ci tutela minimamente (già in condizioni normali), ne in un ottica sanitaria, ne in ragione di una riapertura al turismo dando certezza sanitaria e senso di ospitalità turistica responsabile e attenta, alle emergenze quotidiane di chi sceglie le EOLIE per le vacanze...

I nostri comuni, (coordinandosi e lo considero obbligatorio se no andatevene ha zappare, nessuno per lascito ereditario mantiene la carica) devono creare un sistema di verifica e controllo diretto, sui trasporti da e per la terra ferma, Andiamo ha prendere i nostri ospiti in aeroporto... "facciamo la differenza" organizziamo un servizio esclusivo adeguatamente pubblicizzato su portata nazionale e internazionale..

- E O L I E W E L C O M E - Pullman ad uso esclusivo partenze e arrivi organizzati di tutto punto, posti controllo distanze, sanificazione, coincidenza con orari e partenze (esempio) su aeroporto di Catania, punti di imbarco Messina e Milazzo, evitare concentramenti eccessivi agli imbarchi... Liberty lines e Siremar, devono venire incontro alle necessità delle nostre isole, vista l'eccezionalità della situazione, se creano ostacoli... incentiviamo i nostri armatori isolani, almeno i soldi rimangono sulle isole...

Peccato non aver un piccolo aeroporto, tanti ma tanti problemi non ci sarebbero, sono anni che ne discutiamo, visione sul turismo pari a zero, comunque non voglio fare polemica, ma che le nostre menti mantengano bene memoria di tutto questo, quando ne riparleremo, perché ne riparleremo di sicuro...

C'è tanto altro da aggiungere le idee non mancano, e in gioco la nostra sopravvivenza, ma se la smettiamo di lamentarci solamente...lo Stato, la Regione, ecc, e ci rimbocchiamo le maniche possiamo salvare il salvabile dalla nostra Caporetto.. uniti, un solo obbiettivo, possiamo resistere e farcela...

Chiedo, Sindaci, associazioni, cittadini, uno scatto d'orgoglio per noi e le nostre isole....

fonti: Regioni: Emilia Romagna, Sardegna, Liguria, Campania, e io !!!!!