Cerca Hotel a Panarea

4 mesi ago admin 0

Tutti gli hotel dell'isola di Panarea

#PANAREA, il covo del pirata Drauth

Il fuoco e il vento: miti, leggende e colori delle isole Eolie. Le isole del fuoco

Proseguendo verso nord est, a poco più di 11 miglia da Lipari, si incontra Panarea, l'antica Eunymos (che significa "a sinistra" per i marinai che da Lipari navigavano verso la Sicilia), divenuta poi Panarion (la distrutta); è la più piccola delle Eolie, poco più di 3 km², abitata fin dal Neolitico (4.000 anni fa), come testimonia il villaggio preistorico di Capo Milazzese.

I suoi colori sono indubbiamente il BIANCO della calce dei muri delle case e il TURCHESE dei suoi fondali. Forse anticamente Panarea era una delle più grandi delle Eolie, ma in seguito a cataclismi naturali il vulcano è parzialmente sprofondato, cosicché l'anfiteatro originario interno del cratere è divenuto la costa dove sorgono i tre abitati di Iditella, S. Pietro e Drautto.

Quest'ultima località prende il nome dal pirata saraceno Drauth, il quale era solito ormeggiare le sue navi poco più a sud, nella vicina Cala Junco, una delle più belle baie del Mediterraneo; si tratta di una sorta di piscina naturale, chiusa da alte pareti di scogli basaltici, dove il mare vanitoso interpreta i colori di cui è capace, regalandoci tutte le gradazioni cristalline di verde, turchese e blu.

Le alte scogliere che circondano l'insenatura non consentono ai naviganti di vedere l'interno della baia e il pirata Drauth poteva pertanto sorprendere improvvisamente le navi di passaggio che dal Nord Italia si dirigevano verso la Sicilia.

Quello che resta della parte sprofondata del vulcano originario di Panarea, è ora costituito da una miriade di scogli ed isolette che le fanno da contorno, quasi un "arcipelago nell'arcipelago" da visitare facendo estrema attenzione agli scogli affioranti.

Si comincia da Dattilo, con le sue caverne di zolfo e allume cristallizzato. Si prosegue con l'isoletta di Basiluzzo, oggi disabitata, con pareti a picco sul mare e quasi inaccessibili, dove si trovano i resti di un'antica villa romana e l'adiacente scoglio di Spinazzola, alto quasi 80 mt., tutto guglie e pareti verticali, tanto da somigliare vagamente al Duomo di Milano, sia pure con un po' di fantasia; qui si trova una colonia endemica di palme nane, unica in tutta Europa.

Più a sud si incontrano gli scogli di Lisca Nera, Bottaro e Lisca Bianca: quest'ultimo, candido per le colate di pomice, ha al suo interno la piccola Grotta degli Innamorati, dove la leggenda vuole che chi si bacia resterà unito per sempre. A venti metri di profondità, nel tratto di mare compreso tra i tre scogli, l'acqua ribolle di centinaia di colonne di bollicine: ci si trova infatti al centro del vulcano originario, evidentemente non ancora del tutto spento.

Un'altra manifestazione endogena è riscontrabile sulla costa nord orientale, in località Calcara, dove sono presenti sorgenti termali e fumarole che emanano anidride carbonica, azoto e ossigeno. Panarea non ha ancora terminato il suo processo di sprofondamento: l'isola si immerge per due centimetri ogni anno; c'è ancora tempo, tuttavia, per visitare questo piccolo paradiso senza auto, dove si riscopre il piacere di camminare alla scoperta di minuscoli vicoli fra le case candide di calce e scorci incantevoli su scogli e isolette che ne fanno da cornice.
di Ermanno Sommariva

Eolie in Touch
Powered by Eolieintouch